Agenda – ITA


Gruppi di Lavoro Pre-Conferenza | Martedì 12 Marzo 2019

9:00 – 12:30
GRUPPI DI LAVORO A

Una disamina approfondita del d.lgs. 231/2001, lo UK Bribery Act e l’FCPA americano: Guida Pratica alla Valutazione dei Rischi di Compliance e all’Incorporazione di Requisiti Essenziali nelle Policies e nei Processi Aziendali

Federico Busatta
Partner
Gianni, Origoni, Grippo, Cappelli & Partners

Robertson Park
Partner
Murphy & McGonigle

Questo workshop pratico fornisce una panoramica sui patteggiamenti più costosi recentemente conclusi in ambito anticorruzione. Ora che conosci le allegazioni e i fattori che sono stati presi in considerazione per giungere al patteggiamento, cosa avrebbe potuto essere condotto diversamente? Il workshop ti fornirà gli strumenti più importanti per identificare potenziali debolezze e risolvere qualsiasi questione prima che giungano agli investigatori.

  • Le sanzioni FCPA più recenti con riferimento a casi di corruzione di pubblici ufficiali al fine di ottenere contratti governativi e violazioni delle regole di bilancio
  • I maggiori sviluppi in ambito regolatorio sulla compliance FCPA e la loro rilevanza per le società italiane
  • Le modifiche allo Yates Memo con riferimento alle indagini in ambito civile
  • Chi è un “pubblico ufficiale straniero” ai sensi del FCPA, del UK Bribery Act e della 231 e come lavorare con i dipendenti delle società partecipate
  • Le agenzie di enforcement in Italia, in UK e in USA: ruoli, giurisdizioni e modalità di cooperazione
  • I reati presupposto della responsabilità amministrativa ai sensi del d.lgs. 231/2001
  • I casi di corruzione in Italia e l’applicazione del d.lgs. 231/2001
  • Rilievi specific riguardanti le interazioni fra enforcement anticorruzione e altre leggi, quali ad esempio diritto del lavoro e diritto privacy
  • La gamma di sanzioni di cui i pubblici ministeri in Italia possono far uso
  • Lezioni da imparare con riferimento ai Deferred Prosecutions Agreements (DPAs) ai sensi dell’UK Bribery Act
  • Enforcement e indagini su persone fisiche nelle tre giurisdizioni: confronti
  • Requisiti di bilancio: come conservare libri contabili che riflettano accuratamente le operazioni societarie
  • Sfide nel coordinamento di indagini in più giurisdizioni, double jeopardy, privilegi e privacy
  • Proteggere la confidenzialità durante le indagini e contemporaneamente fare reporting: è realistico?
  • I requisiti dei programmi di compliance e la difesa: lezioni pratiche per compliance executives
13:30 – 17:00
GRUPPI DI LAVORO B

In che Modo le Aziende Stanno Aggiornando le Proprie Procedure di Acquisizione di Terze Parti, Monitorando e Conducendo Audits in Mercati ad Alto Rischio: Nuove, Specifiche Considerazioni per Fornitori e Partners di Joint Ventures

Silvio Cavallo
General Counsel
Pillarstone Italy

Questo workshop approfondito, con un gruppo ristretto, è un’occasione unica per confrontare il tuo sistema di gestione rischi dei terzi con il mercato. I leader del workshop, di grande esperienza, parleranno dei requisiti locali ed internazionali di una strategia efficace di gestione dei terzi con una particolare enfasi sugli ultimi trend e sugli aspetti più innovativi. Verranno anche presentati, in modo interattivo, alcuni scenari reali di due diligence e di compliance di questa con il GDPR. Gli argomenti includono:

  • Come creare un piano strategico per il montaggio costante del rapporto continuativo con il terzo
  • Business partners di lunga data vs. business partners recenti: quando e come espletare la compliance
  • Come determinare quando ti serve un aiuto esterno per la due diligence su un intermediario esistente
  • Cosa fare con le informazioni che scopri nel corso della due diligence: identificare e valutare le “red flags”
  • Affrontare le sfide specifiche derivanti da tipi specifici di terzo, soprattuto per le multinazionali:
    • Distributori, vendors, fornitori di materie prime
    • Rappresentanti e agenti presso le dogane
    • Consulenti locali e consulenti legali, intermediari di vendita e di pubbliche relazioni
    • Assistenti di valuta locale e agenzie di viaggi
    • Altri business partners locali
    • Joint ventures o affiliati
    • Società partecipate
  • Come valutare i pagamenti su commissione e la performance dei servizi forniti dal terzo
  • Quando considerare terminata la relazione con il terzo per sospetta corruzione: considerazioni legali, contrattuali, ed altre considerazioni chiave
  • Cosa fare quando il terzo non coopera, per esempio rispetto a questioni sfidanti come l’accesso ai registri e l’ottenimento di risposte a questionari e follow-ups
18:00 – 20:00
Tavola Rotonda WOMEN IN COMPLIANCE con il Cocktail di Benvenuto

Sandra Mori
Data Privacy Officer (DPO) Europe
Coca-Cola (Italy)

Gabriella Porcelli
General Counsel
Trans Adriatic Pipeline AG

Carmen Di Marino
Chief Legal Officer
Dompè Farmaceutici Spa

La Tavola Rotonda Women in Compliance con il Cocktail di Benvenuto ha avuto un grande successo lo scorso anno. La Tavola Rotonda è parte della serie di conferenze sulla compliance di C5, insieme al prestigioso premio Women in Compliance (WiCA) in cui celebriamo I successi raggiunti dalle donne che lavorano nella compliance aziendale, riconosciuti e condivisi con le altre donne. Unendosi a questa Tavola Rotonda, parteciperà a una discussione aperta e franca su come le donne possono raggiungere successi sempre maggiori, insieme a colleghe e colleghi.

Giorno 1 | Mercoledì 13 Marzo 2019

8:00
Registrazione e caffè di benvenuto
9:00
Discorso di Apertura dei Co-Moderatori

Giovanna Barbieri
Chief Compliance Officer
Inalca SpA

Marco Reggiani
General Counsel
Snam

Bruno Cova
Partner
Paul Hastings LLP

9:15 KEYNOTE ADDRESS

Requisiti e Aspettative della Nuova Legge Anticorruzione

Vittorio Ferraresi
Sottosegretario di Stato del Ministero della Giustizia, Italia

10:15 I NUOVI RISCHI LEGATI AI TERZI PER LE MULTINAZIONALI

Best Practises per la Gestione di un Risk Assessment Globale

Marco Reggiani
General Counsel
Snam

Edoardo Lazzarini
Former Europe & Canada Compliance Initiatives Director
Takeda Pharmaceuticals

  • Miglioramenti concreti posti in essere dalle multinazionali con riferimento a due diligence e classificazione del rischio per la gestione dei terzi
  • Quando è sufficiente la due diligence effettuata? Come sapere se il tuo approccio è efficacemente basato sul rischio
  • Rischi in evoluzione: come condurre l’assessment dei rischi di corruzione in costante evoluzione
  • Considerazioni particolari per l’analisi degli investitori, partners, agenti, distributori, sub-distributori e fornitori di materia prima
  • Quali sono le informazioni da richiedere al distributore durante l’audit della sua rete di distribuzione?
  • Cosa fare quando un distributore si rifiuta di comunicarti l’identità dei suoi sub-distributori nell’ambito di un audit sulla valutazione del rischio del distributore
  • Quando e con quale estensione è opportuno fornire training ai terzi
  • L’ambito della due diligence del terzo nell’ambito di rapporti continuativi con il terzo
11:15
Coffee break mattutino
11:45
Prove di Implementazionea A un Anno dalla Legge 179 del 30 Novembre 2017 sul Whistleblowing

Isabella Bdoian Gonzalez
Director, Ethics and Compliance, EMEA
Whirlpool Corporation (Italy)

Il pubblico riceverà aggiornamenti fondamentali sui requisiti di legge relativi al whistleblowing nel settore privato. Il panel di esperti discuterà le attività di compliance e le nuove sfide, e condividerà -con una demo- gli approcci all’implementazione dei nuovi requisiti legali delle piattaforme di ricezione delle segnalazioni da parte di whistleblower.

12:45
Pranzo di Networking
14:15
Intervista ad un Chief Finance Officer (CFO)

“Il workshop sul risk assessment per compliance e anticorruzione è stato molto interessante anche nel formato. Relatori con esperienza, buon coinvolgimento dei partecipanti, condivisione di opinioni, esperienze e dubbi.”

– Grifols Italia, S.p.A.

15:00
SESSIONE POMERIDIANA – SESSIONI PARALLELE

Scegli una tavola rotonda e unisciti alla discussione, condividendo punti di vista ed esperienze sulle attuali sfide della compliance in Italia. Ciascuna sessione parallela ha un focus, un/a facilitatore/trice e dura 1 ora.

SESSIONE PARALLELA 1
CONFLITTI DI INTERESSI E STORIE DI VITA VISSUTA – Come Garantire l’Interesse della Società e Ridurre il Rischio di Influenze Improprie nel Processo Decisionale

Alessandra Ferrari
General Counsel
A2A

Carmen Di Marino
Chief Legal Officer
Dompè Farmaceutici Spa

  • Conflitti di interesse vs. corruzione: inquadramento del tema
  • Criteri per la valutazione dei conflitti di interessi
  • Quando le policies sui conflitti di interessi sono davvero efficaci?
    • il ruolo dei Codici di Condotta e i principi di compliance
  • Scenari relativi alle assunzioni: come assicurare che il processo di selezione non subisca influenze indebite dal governo, autorità locali e sindacati
  • Scenari relativi ai terzi; come gestire quelle situazioni in cui un membro della famiglia del dipendente possiede il fornitore scelto dalla tua azienda: quando le interazioni legittime con i terzi possono dare l’impressione di ingerenze indebite
  • Scenari sulle relazioni personali: come gestire relazioni personali e sentimentali in ambito aziendale
  • Scenari relativi a joint ventures: come avere appropriate relazioni di business con società partecipate o pubbliche nei rapporto di joint venture e ridurre il rischio di conflitti di interessi

 

SESSIONE PARALLELA 2
RISCHI DI COMPLIANCE RELATIVI ALLE SANZIONI ECONOMICHE: Cosa Devono Sapere Tutti i Compliance e Legal Officer sulla Potenziale Esposizione ai Rischi di Sanzioni

Francesco Bortone
Chief Compliance Officer
Avio Aero

Unisciti a questa tavola rotonda per una disamina complessiva delle questioni più spinose relative alle sanzioni economiche, fra cui:

  • La prospettiva del business sui maggiori rischi di sanzioni per le community finanziaria e non
  • Come condurre un efficace risk assessment che includa sanzioni, frodi, riciclaggio ed altri reati finanziari
  • Le aspettative sempre maggiori delle autorità di regolazione: requisiti su sanzioni e antiriciglaggio e le loro implicazioni nel settore finanziario e non
  • Obbligazioni contrattuali con la tua banca date dalla compliance OFAC: cosa significa e quali sono le implicazioni sul tuo programma di compliance
  • Guide linea al complesso ecosistema delle sanzioni
16:00
Coffee-break pomeridiano
16:30 PROTOCOLLI DI INDAGINI INTERNE

Come Strutturare Efficacemente l’Ambito delle Indagini Interne e Gestire Interamente il Processo
  • Come costruire il team di indagine, determinare l’ambito delle indagini e coinvolgere i diversi dipartimenti garantendo al contempo l’indipendenza del processo
  • Quale dovrebbe essere il ruolo del compliance officer nelle indagini interne?
  • Considerazioni culturali e tecniche pratiche di “interrogatori” per ottenere le informazioni di cui hai bisogno nella giurisdizione in cui i fatti sono avvenuti
  • Come gestire i rapporti inconcludenti ed evitare la percezione che l’indagine sia stata inutile
  • Come comunicare con le autorità locali e straniere con riferimento ad una potenziale violazione – quali sono le salvaguardie per l’azienda?
  • Come determinare la spesa di una indagine interna e come controllare il rischio di aumento di spesa
  • Quando terminare: come capire che l’indagine è finita?
  • Perché alcune indagini interne non riescono ad identificare ed accertare violazioni?
17:30
Fine del Primo Giorno

Giorno 2 | Giovedì 14 Marzo 2019

9:00
Discorso di Apertura dei Co-Moderatori, Riassunto del Primo Giorno e Partecipazione del Pubblico

Giovanna Barbieri
Chief Compliance Officer
Inalca SpA

Marco Reggiani
General Counsel
Snam

Bruno Cova
Partner
Paul Hastings LLP

9:30 TAVOLA ROTONDA

General Counsel, Chief Compliance Officers e Organismo di Vigilanza (OdV) – Modelli di Corporate Governance per Proteggere i Dirigenti da Responsabilità: Come Istituire Controlli Interni e Attività di Compliance Reporting Efficaci

Silvio Cavallo
General Counsel
Pillarstone Italy

Agostino Nuzzolo
General Counsel and Legal Affairs Executive Vice President – Secretary of the Board
Telecom Italia Mobile “TIM”*

  • Le sfide relative al coordinamento tra modelli 231 in gruppi di società
    • L’impatto delle deleghe di dirigenti e managers che siedono in diversi Bpard del gruppo
  • Mitigare la responsabilità dei dirigenti facenti parte di diversi CdA di società appartenenti al medesimo gruppo
  • Internal audit vs. compliance: qual è la migliore struttura per la prevenzione e la gestione dei rischi? Qual è il modo ideale per allocare le diverse funzioni di controllo del rischio all’interno dell’organizzazione?
  • Quali sono le informazioni da trasmettere all’ Organismo di Vigilanza e come assicurare flussi informativi eccellenti
  • Esperienze pratiche su una efficace supervisione dell’Organismo di Vigilanza sul modello 231
  • Quali sono struttura e livelli di reporting ideali per assicurare l’efficienza dei processi decisionali?
  • Come dovrebbe essere un sistema di controllo integrato, alla luce dei casi più recenti?
10:30 LE INDAGINI DEI PUBBLICI MINISTERI

Come Rispondere alle Indagini per Corruzione e Coordinare la Strategia di Difesa in Diverse Giurisdizioni
  • Azioni preliminari all’inizio della crisi: come sviluppare un piano dettagliato e creare parametri credibili per le indagini
  • Misurare la severità delle allegazioni al fine di pianificare la strategia di reazione più efficace
  • Come pianificare i costi economici di un procedimento penale
  • Qual è la migliore strategia di conservazione dei documenti al fine della difesa della società?
  • Quali sono i diritti dell’azienda durante le indagini
  • Richieste di disclosure: come recepirle e fino a che punto spingersi nella disclosure
  • Quando si fa un comunicato stampa, come sviluppare una strategia di comunicazione coerente per tutti i pubblici ed evitare errori sulle comunicazioni esterne
  • Come decidere quando è giunto il momento di avvalersi di consulenti esterni ed esperti di forensics
  • Come formare i dipendenti sulla cooperazione alle indagini e sugli interrogatori
  • Quali sono gli effetti di un patteggiamento in una giurisdizione che si ripercuotono in un’altra giurisdizione?
  • L’approccio multi-giurisdizionale ai procedimenti penali in più Stati e come assicurare la coerenza della difesa
11:30
Coffee-break mattutino
12:00
Intervista all’OCSE

Nicola Bonucci
Director & Accession Coordinator, Directorate for Legal Affairs
Organizzazione per la Cooperazione e lo Sviluppo Economico (OCSE)

12:45
Pranzo di Networking
14:00 PROGRAMMI DI COMPLIANCE A CONFRONTO: SONDAGGIO AL PUBBLICO

I Compliance Officers più Esperti si Confrontano sulle Questioni più Spinose della Gestione dei Sistemi di Compliance Anticorruzione, e Discutono su Come Aggiornare le Procedure per Rispondere ai Rischi Nuovi Emergenti

Palma Scardaccione
D. Lgs 231/01 & Antibribery Expert Compliance & Quality External Affairs
Vodafone Italia SpA

Un confronto con il pubblico su come i programmi di compliance si evolvono costantemente al fine di gestire molteplici rischi. La moderatrice del panel porrà al pubblico 10 domande specifiche sui programmi di compliance, che copriranno diverse aree come struttura, allocazione delle risorse, il reporting, le certificazioni e gli standard, la governance, i KPIs e altre aree relative alla compliance inclusa l’antitrust. I risultati del sondaggio verranno condivisi in tempo reale e un panel di esperti fornirà commenti pratici.

15:00 TRAINING INNOVATIVI PER LA COMPLIANCE ANTICORRUZIONE: CASI PRATICI

Esempi di Programmi di Training Innovativi con Focus sui Valori, sulla Cultura Interna Orientata alll’Implementazione e all’Impegno per una Vera Compliance
  • Identificare l’obiettivo e la missione del tuo programma di compliance
  • Come facilitare training di compliance efficaci: qual è la struttura più adatta per te?
  • Dimostrare il valore aggiunto per il business di un programma di compliance solido, incluso l’ottenimento di ulteriori clienti
  • Come delineare programmi di compliance che soddisfino le esigenze delle diverse funzioni aziendali

Durante questa tavola rotonda verranno condivisi esempi di programmi di compliance efficaci.

15:30
Cofee-break pomeridiano
15:45 PROTEZIONE DEI DATI E IMPLEMENTAZIONE DEL GDPR

Sfide ed Obblighi Comuni nell’Implementazione del GDPR, Quali Sono le Violazioni più Comuni e Come Affrontarle per Prevenire un Intervento dell’Autorità

Sandra Mori
Data Privacy Officer (DPO) Europe
Coca-Cola (Italy)

Laura Liguori
Partner
Portolano Cavallo

Filiberto E. Brozzetti
Consigliere giuridico
Garante per la protezione dei dati personali

  • Dove concentrare gli sforzi di compliance al GDPR
  • Come il dipartimento di compliance e il department di data privacy devono lavorare insieme al fine di rispettare pienamente la compliance GDPR
  • Come rispettare la compliance GDPR rispetto al trattamento dei dati di dipendenti e dei terzi durante una indagine interna
  • Misure da espletare per gestire i dati generati dal sistema di whistleblowing dell’azienda in seguito a segnalazioni
  • Come gestire una richiesta di cancellazione dati in virtù del diritto all’oblio
  • Identificare una violazione di dati: quando potrebbe occorrere e quando si è effettivamente verificata?
  • Come gestire le violazioni al GDPR e mantenere una buona relazione con il Garante
16:30
Il Public Procurement nel Rispetto dei Confini dell’Anticorruzione e dell’Antimafia: Come Rafforzare i Processi di Partecipazione agli Appalti per Controllare i Rischi Esistenti e Emergenti
  • I recenti sviluppi in Italia nel settore degli appalti pubblici
  • Anatomia di un appalto: identificare i rischi nelle gare pubbliche, semi-pubbliche e procedure sotto soglia
  • Gestione del rischio in situazioni in cui l’applicabilità delle regole sugli appalti pubblici è dubbia
  • Come fare ricorso quando ritieni che vi è stata corruzione
  • Coinvolgimento degli agenti in gare pubbliche: come mitigare i rischi di corruzione
17:30
Discorso di Chiusura e Termine dei Lavori